To top
30 Giu

Homify.it : muro da cucina.

Amo mangiare, e se seguite il mio Instagram già lo sapete, sono una di quelle che fotografa la colazione/pranzo/cena/merenda/spuntino/cibo in generale.

Provare nuovi sapori stuzzica la mia mente ed è per questo che quando la mamma non dice: “esci dalla cucina che mi zozzi tutto, ho appena pulito”; sto lì che faccio i miei esperimenti.

Come nei laboratori scientifici anche in cucina vi possono succedere esplosioni, schizzi di sugo e la creazione di qualche essere non identificato, quindi scegliere bene gli elementi della propria cucina è indispensabile.

Non ho ancora una casa mia ma la sogno ogni giorno. Penso alle varie soluzioni e mi tengo informata tra riviste e blog. L’ispirazione giusta potrebbe essere proprio dietro l’angolo e io sono una di quelle a cui piace farsi trovare preparata.

Una cosa che non viene subito alla mente quando si progetta una cucina, sono le pareti. Siamo tutti presi da mobili, elettrodomestici e piani cottura che al rivestimento di quelle mura ci pensiamo in un secondo momento, quasi non fosse importante. Invece, tra calore, umidità e necessaria facilità nel pulire, la scelta deve essere azzeccata; senza contare che può dimostrarsi un fantastico elemento d’arredo. Io qualche idea l’ho presa da qui.

Quindi: Pietra? Ceramica? Legno? Carta da parati? Vernice? Acciaio? Vetro? Le possibilità sono davvero tante.

Pietra

BOLZ LICHT & DESIGN GMBH/homify.it

BOLZ LICHT & DESIGN GMBH/homify.it

MARCELLO GAVIOLI/homify.it

MARCELLO GAVIOLI/homify.it

w1108_Slater6[1]

CREATIVE DESIGN/homify.it

La pietra è un materiale molto versatile, infatti, può evocare un’atmosfera naturale se lasciata con l’effetto 3D e un look moderno se tagliata a listarelle. L’importante è trattarla con una vernice protettiva che la renda idrorepellente e più robusta.

Piastrelle

EQUIPE CERAMICAS/homify.it

EQUIPE CERAMICAS/homify.it

w1108_masia_jewel_olive[1]

EQUIPE CERAMICAS/homify.it

Ceramica, la scelta più pratica se parliamo di pulizia. Ci evoca alla memoria la cucina della nonna, con le piastrelle quadrate tutte bianche (o al massimo beige) interrotte solamente dal disegno di qualche natura morta ogni tanto. Adesso si combinano vari colori, forme e strutture, adatti a contesti più classici o moderni.

Giochi di colore

w1108__MG_2484[1]

PYRAM/homify.it

HP INTERIOR SRL/homify.it

HP INTERIOR SRL/homify.it

EMILIE CARDINALE/homify.it

EMILIE CARDINALE/homify.it

Una vernice impermeabile è l’ideale per giocare con i contrasti di colore o dare omogeneità a tutta la parete e, perché no, esprimere la propria vena artistica.

Carta da parati

STUDIO INTERIOR DESIGN DI ELENA SHTURBABINA/homify.it

STUDIO INTERIOR DESIGN DI ELENA SHTURBABINA/homify.it

w554_P1150305[1]

DEC&YOU/homify.it

Carta da parati in cucina?! Se in un materiale resistente, meglio se vinile, potrebbe essere la scelta giusta per caratterizzare la stanza con una fantasia particolare.

Legno

max1024_acosta_Untitled-3[1]

ARDESIA DESIGN/homify.it

Un materiale certamente insolito per ricoprire l’intera parete ma fantastico se vi trovate in una baita in mezzo alle Alpi.

Acciaio e Vetro

MARIANI&ASSOCIATI ARCHITETTI/homify.it

MARIANI&ASSOCIATI ARCHITETTI/homify.it

w1108_D355_06[1]

GK ARCHITETTI/homify.it

SCHULZ.ROOMS/homify.it

SCHULZ.ROOMS/homify.it

Acciaio inossidabile o vetro temperato (quest’ultimo può anche essere posizionato davanti a luci soffuse per rendere suggestiva l’illuminazione della cucina), sono materiali perfetti per rispondere ai tre requisiti chiave delle pareti da cucina: impermeabilità, resistenza al calore e facilità nel pulire.

 

Ora sono curiosa, quale parete avete scelto per la vostra cucina? O quale state ancora sognando?

DeathlyBerry

Lucrezia. Cats, Shoes and Sushi lover from IT

9 Comments

Leave a reply